“LE TENEBRE DI VARCOLACI” di Derek Dark – da “Giochi di Tenebra”

Di Derek Dark

Il bistrot era quasi vuoto a quell’ora mattutina, Grégoire fece un ultimo giro prima dell’arrivo dei primi clienti. Alle dieci arrivava David, suo impiegato da dieci anni. Grégoire amava il suo lavoro, lo prendeva molto sul serio, era più di un semplice “Limonadier” come diceva la borghesia. Il culo sulle labbra, era impegnato sulla maniglia, si dedicava alle pulizie davanti al bancone, dove presto sarebbero arrivati ​​i clienti abituali. Leggermente senza fiato a causa del suo sovrappeso, gli piacevano molto i salumi. Inoltre, abusava anche di alcol, soprattutto rosé. Il grasso delle sue braccia nude si muoveva in tutte le direzioni, l’eterno grembiule blu che metteva in mostra il ventre. Sulla spalla sinistra, un tatuaggio della testa di un lupo feroce, in contrasto con la testa calva e lo sguardo torvo di custode. La barba lunga, i baffi tagliati frettolosamente davano l’impressione di trascuratezza. Grégoire sentì la porta aprirsi senza guardare, sapeva che era Maurice. Un pensionato che si annoiava e attaccava con il rosso alle otto del mattino. Frequentava da cinque anni il “Petit Baigneur”, il nome del suo bar. Era in memoria dell’attore comico Louis de Funès che lo aveva battezzato così.

– ‘Buon giorno Gregory… la voce del vecchietto era pacata con il viso dalle guance cadenti e gli occhi tristi dietro gli spessi occhiali. Faceva continuamente schioccare la lingua nella sua bocca secca. Come al solito, si posizionò davanti al bancone, tamburellando con dita tremanti sulla fredda superfice.

– Ciao Momo… un po’ caldo… eh? Disse Grégoire conoscendo molto bene la risposta in anticipo. Ma non dovresti mai dare al cliente quella scaltra impressione di essere uno dei suoi bar base così odiato da tutti. Maurice abbozzò un sorriso quando vide Grégoire aprire una bottiglia e servirgli un bicchiere di vino. Il pensionato afferra il bicchiere, cercando di nascondere la sua avidità schiarendosi la gola. Quando vide Grégoire versarsi un bicchiere di rosé, si sentì improvvisamente più a suo agio, meno solo. Il tintinnio dei bicchieri scattava nelle prime ore del mattino mentre brindavano al loro vuoto interiore senza saperlo. Maurice si bagnò le labbra prima di bere un sorso, Grégoire lo inghiottì d’un fiato, rilasciando un ultimo sospiro. Dio, che bella sensazione, pensò guardando dalla finestra, come un guardone (tutte queste vite che sfilano in rue Mérimée. Quest’ultimo era un negoziante, il suo vicino era Paul il macellaio e di fronte un ristorante senza pretese. Come i suoi proprietari, che Gregory non poteva vedere.

– Ci sarà il sole… commentò Maurice, guardando i bicchieri allineati dietro il bancone, in attesa dei clienti, come dei bravi piccoli operai pronti per essere riempiti. Grégoire rispose con una banalità a questa frase, ripetuta più e più volte ogni mattina.

La porta si aprì, lasciando entrare una corrente d’aria fresca. Quando Gregory vide il personaggio che era appena entrato, non poté fare a meno di fissarlo senza muoversi. Alto, estremamente magro, aveva le guance scavate come i solchi di un campo arato. La sua mano sinistra con le dita ossute e storte era appoggiata su un bastone da spada con un pomo d’argento. Senza dire una parola, l’individuo procedette zoppicando fino alla sedia con schienale, il tavolo forniva una panoramica completa della stanza. Grégoire posò il bicchiere vuoto e fece il giro del bancone, lasciando che Maurice parlasse da solo. Mentre camminava verso il nuovo arrivato, scoprì che non poter attribuirgli alcuna età. Una volta arrivato vicino al tizio, vide il pallore del suo viso, le occhiaie sotto i suoi occhi. Occhi azzurri con una fissità inquietante, i bulbi oculari erano striati di rosso. Quest’uomo puzzava di morte a tre chilometri di distanza, pensò Grégoire, controllando il proprio imbarazzo. Non poteva essere molto vecchio, senza macchie sulle mani, senza rughe particolari, se non fosse per rughe a zampa di gallina e un cipiglio che lo faceva sembrare severo.

– Cosa posso portarti? Chiese Gregory, chiedendosi di cosa potesse soffrire quest’uomo. Quest’ultimo alzò lentamente su di lui gli occhi slavati. Le sue palpebre battevano appena, il suo sguardo si spostava incessantemente dall’angoscia alla sfida. Come se nei suoi pochi secondi si stesse svolgendo un combattimento titanico.

– Un doppio scotch… secco… rispose una voce roca, fredda e senz’anima. Un brivido salì lungo la schiena di Gregory che fu sorpreso di sentire un cattivo odore, quello di torba o di fango. Non poteva fare a meno di pensare a cose morte, senza vita e marce. Non gli era mai successo… tornando al bancone, era meno contento del solito. Era come se un soffio oscuro avesse appena spento la fiamma della speranza che era la sua forza. Mentre metteva le due dosi di alcol nel bicchiere quadrato, inarcò il petto per liberarsi da una rigidità alla schiena. Quando portò lo scotch al suo cliente, si accorse che stava fissando un punto nello spazio, si affrettò a mettere il bicchiere sul tavolo per tornare indietro. Il retro della stanza si era oscurato quando la luce in alto si era improvvisamente accesa. La sagoma risaltava nel chiaroscuro, come un uccello di cattivo auspicio. Grégoire prese il suo straccio e pulì il bancone, sebbene fosse pulito, per schiarirsi le idee. Maurice era al suo secondo drink quando una forte tosse, seguita da sputi, echeggiò dal fondo della stanza. Grégoire non poté sopprimere un’espressione di disgusto, accompagnata da un senso di colpa. In effetti questo pover’uomo doveva essere malato e ne fu turbato, si sentì egoista. Tuttavia, non aveva la forza di guardare alla fonte del rumore. Maurice gli rivolse lo stesso sorriso sciocco, lo stesso del solito, solo che oggi non sopportava niente. Il suo stomaco si contrasse, sospirò per scaricare lo stress. Nessuno lo aveva mai disturbato così tanto.

Patrick arrivò al bar, rallegrandolo con il suo solito picchiettio. Diverse casse di bottiglie erano poste sul suo carrello a mano, il fattorino era sempre puntuale.

– Ciao Greg… stai bene? Chiese con una certa preoccupazione, non aveva mai visto Grégoire così depresso.

– Va bene e tu? Balbettò quest’ultimo mentre prepara il caffè forte al fattorino.

– Tu… mi nascondi qualcosa! Disse Patrick, la sua altezza media e la sua muscolatura rafforzavano l’impressione di vedere un cubo per chi lo stava guardando. I suoi capelli castani di media lunghezza, mal livellati, una ciocca sulla fronte umida. La pelle spessa, bitorzoluta e luminosa sul suo viso poteva farlo sembrare sangue, cosa che non era. L’ereditarietà era l’unica responsabile, solo il suo sorriso dava fascino ai suoi lineamenti. La caffettiera sibilò, gocciolando nella tazza. Mettendolo sul bancone, non poté fare a meno di dare una rapida occhiata al retro. Patrick si voltò e non vide subito la figura curva seduta davanti a un bicchiere vuoto.

– E allora ? Uno nuovo… sbottò, alzando le spalle.

-Non l’hai visto da vicino… sembra un morto… puzza perfino di cadavere… Che schifo! Grégoire rispose, accompagnando le sue parole con un gesto della mano, come se stesse inseguendo una mosca davanti a sé. Sorpreso dal nuovo atteggiamento del proprietario, si ritrovò a guardare un po’ meglio il nuovo arrivato. Un’impressione di nevrastenia emanava dal personaggio, poiché ipnotizzato, non poteva resistere alla tentazione di avvicinarsi. Il suo sorriso si ritrasse quando vide la lividezza della carnagione, la mano ossuta e tremante appesa al bicchiere, le labbra socchiuse che tremavano. Lo sguardo sembrava perso in un’altra vita, Patrick mentre tornava al bancone deglutì nervosamente.

– Qual è il suo problema? Il fattorino chiese piano, meno allegro. Grégoire ingoiò un bicchiere di rosé con un’espressione abbattuta.

– Non lo so… d’altronde, da quando è entrato… la gioia è fuggita… come i soliti clienti che venivano dopo Maurice… sussurrò il titolare del bar, sporgendosi in avanti. Patrick si ritrovò a chiedersi se questo sconosciuto potesse sentirli. Non poteva trattenere una schiera di pensieri morbosi, in cui regnavano solo la malattia e la decrepitezza. Gli tornò in mente la morte del padre, un sordo dolore emotivo che credeva guarito con il tempo… prese la sua tazza e bevve il caffè, dimenticandosi di addolcirlo, emise un brontolio seguito da una faccia disgustata.

– Te ne faccio un altro… è per me… vuoi mettere via le bottiglie, ho un terribile mal di schiena… pregò Grégoire.

– È nuovo? Il fattorino concluse dando un’ultima occhiata allo sconosciuto prima di prendere in mano il diavolo per andare al ripostiglio.

David entrò proprio in quel momento, già le dieci! Il suo eterno aspetto adolescenziale, un po’ da “James Dean”, diede a Grégoire una ventata di freschezza.

– Ciao capo! Andiamo per una giornata infernale! L’impiegato fu sorpreso dall’assenza dei soliti clienti, tranne Maurice. E poi vide lo sguardo abbattuto di Grégoire mentre lanciava un’imprecazione.

– Stanco, capo? disse dall’alto dei suoi venticinque anni, cosa che infastidì ancora di più Gregory.

– Se vuoi prenderti cura del cliente in fondo… sospirò il proprietario, versandosi un nuovo bicchiere di rosato, seguito da un altro rosso per Mauritius. David si passò una mano tra i capelli biondi con deliberata nonchalance, difficile distinguere il cliente. Tuttavia, vide la lampadina spenta e decise di sostituirla. Passando in cucina, prese il suo apribottiglie e il suo taccuino prima di mettersi il grembiule intorno alla vita. Frugando in un armadio, trovò una nuova lampadina, afferrò la scala a pioli.

Patrick, accovacciato, stava finendo di riporre le bottiglie in cantina. La lampadina sfrigolò sopra di lui, pensò di sentire una presenza dietro la sua schiena, si voltò velocemente per scoprire di essere solo. La cantina era grande, a volta, con mattoni rossi. Gli armadietti allineati tra le ragnatele. La lampadina si era spezzata. Il ragazzo delle consegne ringhiò, trovandosi al buio, una sorta di paura lo prese quando sentì la temperatura abbassarsi improvvisamente. Un respiro gli sfiorò il viso, uscendo dal nulla. Spaventato, cadde all’indietro, colpendo con il braccio destro degli armadietti che persero l’equilibrio. Il primo, in cima alla pila, crollò a faccia in giù, rompendogli il naso, l’angolo sprofondato nell’occhio, frantumandogli il bulbo oculare che diffondeva il suo umorismo. Le bottiglie di vino andarono in frantumi su di lui e intorno a lui. Sconvolto, cercò di alzarsi in piedi, ma le sue mani incontrarono pezzi di vetro, che gli tagliarono la carne. Cadendo pesantemente a terra, la sua guancia fu solcata dal vetro saccheggiato sparso per terra. Qualcosa di freddo e gelatinoso si aggrappava alla sua bocca, inspirando lentamente, come una pompa infernale. Il suo braccio sinistro svolazzò in aria, senza incontrare nulla di concreto. Il panico sconvolse Patrick che non riusciva nemmeno ad articolare un suono! Il dolore del suo occhio perforato echeggiò sul suo viso, sulla sua testa. Questa sensazione di sentire le sue forze risucchiate da questa bocca tangibile eppure invisibile. L’impressione di cadere all’indietro, di sprofondare nell’apatia totale fino all’incoscienza…

David passò davanti al suo tetro capo, anche lui davanti a Maurice, dandogli una pacca sulla spalla, che non gli impedì di parlare. Il cameriere si fermò davanti al nuovo arrivato. In quel momento, si sporse in avanti e lo scosse per la spalla. La rigidità dei suoi lineamenti, le sue membra, facevano credere al cameriere che fosse morto. Stava per chiamare i vigili del fuoco, quando si accorse del fetore che circondava l’uomo. La sua carnagione e il suo aspetto erano l’immagine stessa di un paziente alla fine della sua vita. L’angoscia gli intorpidì la mente, gli annodò la gola. Non era mai stato così vicino alla morte, che inevitabilmente lo rimandava alla propria fine. Era arrabbiato con questo cliente per avergli causato tali sentimenti. Con suo stupore, la testa dalle guance scavate si voltò verso di lui, gli occhi vitrei che tornarono alla vita. Una mano tremante spinse il bicchiere vuoto verso l’impiegato spaventato.

– La stessa cosa… giovanotto… articolò quella voce dall’oltretomba che gli congelò l’anima. – D’accordo… va tutto bene, signore? Chiese educatamente.

– Molto meglio… sogghignò l’uomo livido, tossendo prima di sputare. David seguì il rivolo di melma densa che colava sul pavimento vicino alla sedia. David rabbrividì quando notò delle macchie brunastre e verdi. Alzandosi in fretta, si precipitò lungo il corridoio, molto seccato. Grégoire sorrise quando vide il suo nuovo look.

– Prende lo stesso… è malato o cosa? Per terra… quel catarro sembrerebbe macchiato di… sangue… balbettava guardando il suo capo.

– Hai capito la mia depressione… e, l’hai sentita? Penso di sentire quell’odore terribile da qui… balbettò Grégoire. David obbedì, ricordando la puzza, sperando che quell’uomo se ne sarebbe andato presto. Prese il bicchiere di scotch e tornò dal cliente, lo posò sul tavolo e si diresse velocemente alla scaletta aperta. Mentre saliva, salì in cima e distese il braccio teso. Svitò la lampadina spenta e sostituendola con quella nuova. Improvvisamente, gli parve di sentire lo sguardo dello straniero atterrare su di lui. Senza sapere perché, si affrettò e scese velocemente dalla scaletta. L’uomo stava ancora guardando in avanti, David doveva aver sognato… tuttavia, un’inquietudine lo aveva colto. La luce ritornata illuminò i lineamenti cadaverici, quella faccia da demone. Una volta ripiegata la scaletta, tornò al bancone, superando Grégoire con un sospiro. Grégoire lo seguì con aria smarrita…

– Vuoi vedere cosa ne è stato di Patrick? Gli ho chiesto di aiutarmi a riordinare la cantina mentre ti aspettavo… starà bevendo! Sbottò, servendo un altro drink a Maurice. Non c’erano clienti stamattina !

La porta si aprì, Grégoire alzò uno sguardo illuminato verso questo arrivo provvidenziale. Immediatamente riconobbe Sabrina Matlink, la prostituta che veniva a bere il suo bicchiere di vino tra mezzogiorno e le due. Alta, sempre vestita di nero, minigonna di pelle, calze a rete, stivali alti fino alla coscia in vinile nero, un body trasparente a rete che rivela i seni arroganti con le estremità appuntite, una giacca di pelle. Bionda, il suo viso angelico dai lineamenti fini, i suoi occhi luminosi, la sua bocca carnosa che tanto ispiravano Grégoire. Mai, non aveva mai osato vederla… eppure il desiderio non gli era mancato. Sabrina si sedette sul suo sgabello, incrociando le gambe in alto, l’unica volta che Maurice alzò lo sguardo dal bicchiere. – Una moresca, mia cara… la bella era ben consapevole dell’effetto che aveva sugli uomini.

– In questo momento, tesoro mio… rispose lui, guardandola di traverso. Il suo petto si increspava al ritmo dei suoi respiri. Grégoire preparò il pastis con lo sciroppo d’orzo, dolcissimo come al solito.

– Sei la mia oasi di pace in questa maledetta mattina… non potè fare a meno di dire Grégoire.

Sabrina tirò fuori una sigaretta che Grégoire si affrettò ad accendere.

– Sei molto poetico oggi, tesoro mio… disse ridendo. Stava fissando il rossetto rosso sul bordo del bicchiere.

– No.… guarda dietro… vedrai un cliente… sussurrò. Sabrina esalò uno sbuffo di tabacco e girò la testa in un impeto di riccioli biondi. Gregory la vide guardare il nuovo arrivato senza dire nulla, cosa che lo intrigava.

– Non lo trovi ripugnante? Dagli un’occhiata più da vicino… disse con esasperazione.

La donna dal profumo fruttato si alzò e si diresse verso il fondo della stanza con passo felino. Grégoire fissava il suo sedere grassoccio, modellato nella sua minigonna, senza traccia di biancheria intima.

Più si avvicinava allo sconosciuto, più una strana sensazione la invadeva. In piedi con orgoglio davanti al tavolo, lei lo guardò. Quella testa dalle guance scavate, quello sguardo spento, quel candore della pelle, le sue mani ossute.

– Ho pietà di te… ruttò l’uomo prima di sputare.

– Puoi affermare di conoscere la profondità dei miei pensieri? Annunciò, strofinandosi le gambe con un crepitio di vinile.

– Come lo sai? Potremmo parlarne… continuò, alzando su di lei uno sguardo improvvisamente illuminato. Sorpresa, si voltò per tornare a sedersi sul suo sgabello.

– Allora, hai visto il mostro? chiese Gregory, agitato da un sussulto nervoso. Sabrina, prese il bicchiere in mano, imbarazzata.

– È un uomo malato… lo so… disse con un sospiro. Grégoire la guardò in modo diverso, doveva essere strana per non essere spaventata da questo cliente.

– Se vuoi liberartene, non essere timido! Rispose, osservando la sua reazione allo shock.

– Se ti aiuta… vado con lui… disse, spegnendo la sigaretta nel posacenere. Grégoire spalancò gli occhi, non tornando indietro, mentre saltava sulla manna.

– Oh si ! Mi daresti sollievo… disse seccato. Un tocco di gelosia gli invase il cuore… non riusciva a credere che la bella se ne sarebbe andata con quel rifiuto umano. Cosa aveva in più di lui? Pensò mentre ingoiava un bicchiere di rosé. Sabrina tirò fuori un biglietto dalla tasca anteriore della giacca.

– Pago le visite del paziente… disse sensualmente.

– due doppi scotch… sospirò, prendendo il biglietto.

– Tieni il resto… disse alzandosi, consapevole della gelosia di Gregory, non riuscì a trattenere una risata cristallina. Grégoire la seguì verso lo sconosciuto, lei si accucciò davanti a lui, si scambiarono parole che lui non riuscì a sentire. Poi, lui si alzò a fatica, lei lo sostenne. Uscirono insieme dal bar con esasperante lentezza.

David era in piedi sulla soglia della cucina, guardando la bellezza che se ne andava con la decrepitezza… Grégoire lo vide e si accigliò.

– Vai a vedere in cantina! Riporta Patrick! te l’ho già chiesto prima! gridò Grégoire, pieno di odio. David lo fece con riluttanza, scese le scale all’altra estremità del bar.

– Grégoire sentì che il posto si schiariva, era come se l’aria viziata fosse svanita. Questa oppressione interiore lo aveva improvvisamente abbandonato. Le urla lo riportarono alle paure che aveva appena lasciato. David gli corse incontro, anche lui pallido. A Grégoire non piaceva il suo aspetto, cosa avrebbe detto?

– Capo ! Non c’era più luce al piano di sotto… sono sceso con la torcia… e ho trovato Patrick steso per terra in mezzo agli armadietti, sfigurato, sanguinante! Ma, il peggio… annunciò con orrore.

– Che cosa ? Patrick…merda! E cos’altro ? gridò Gregory, esausto…

– Vieni a vedere con me… è indescrivibile… finì di dire il cameriere, sentendo le gambe tremare sotto di lui. Grégoire respirò profondamente prima di seguirlo, non riusciva a immaginare Patrick al piano di sotto… sbattuto così… è forse morto? Sabrina camminava lentamente per le strade, l’uomo al suo braccio. Anche da lì, poteva sentire il fetore che esalava dal suo corpo. Sentiva il suo braccio ossuto con gioia, i pochi passanti li guardavano sgomenti. Sabrina passò accanto a Josy, la sua amica che stava camminando sul marciapiede. Capelli scuri, grassoccia, molta roba traboccava dalla scollatura.

– Cosa stai facendo ? Non è la tua pausa? Chiese quando l’ha vide arrivare.

– Vado a casa… lascio a te la giornata! Josy sorrise a questa notizia, ma la perse subito quando vide il suo compagno.

– Chi è ? Chiese con uno sguardo di disgusto. Sabrina perse il controllo di se stessa.

– Fatti gli affari tuoi ! Rispose con una virulenza che lasciò Josy senza parole…

– Una volta arrivati ​​alla fine della strada, salirono sulla sua macchina. Sabrina lo aiutò a sedersi, stava tremando. Si allontanò e accelerò con uno stridio di gomme. Lasciando il centro storico, si diresse verso i bei quartieri.

– Sei davvero gentile con me, disse con voce roca.

– Lo sarò ancora di più una volta a casa! Disse, senza fiato.

– Cosa ti attrae di me? La sua voce fredda la eccitò.

– Tutto… cosa ti succede? Riuscì ad articolare, era così appassionata.

– Sto morendo… forse non avremo nemmeno il tempo di raggiungere la nostra destinazione… continuò, lei sospirò, lui sogghignò.

– Raccontami della tua malattia… sussurrò, non potendo non guardarlo rispetto a come aveva fatto con tanti altri.

– Io marcisco dall’interno… mangiato dai vermi e da altri insetti che strisciano nella mia carne… ti sta bene? Tossì e quasi si strozzò con il suo catarro.

– Perfetto! Ma, la malattia, come si chiama? L’hai presa?

– L’avidità… la voglia di godersi la vita… disse, stringendo le mani intorno all’elsa del bastone. Un po’ stordita, lei lo guardò sorridendo.

– Puoi dirmi qualsiasi cosa… quello che mi hai detto non è una malattia! Preferì lei, anche offendendosi… era uscita con lui e lui stesso aveva avuto il coraggio di mentirle!!

– Più di quanto pensi… vedrai… sogghignò lui, il che la lasciò con un’insaziabile curiosità. Sabrina parcheggio l’auto davanti alla barriera del parcheggio privato del suo lussuoso palazzo. Dopo aver composto il codice di accesso, si voltò e trovò lo sconosciuto congelato, che la fissava, vitreo. Quando gli mise una mano sul braccio sinistro, la carne era rigida, sembrava davvero un cadavere… non riusciva a sopprimere la sua eccitazione. Parcheggiando l’auto al posto numerato, non osava pensare alle implicazioni della sua morbosa libido, fino ad ora mai veramente ammessa. Ma a mezzogiorno, appena aveva incontrato l’uomo che simboleggiava ciò che non osava ancora fare.

Una volta spento il motore, si accorse della sua rigidità e mancanza di coscienza… era morto? A causa di questo pensiero per un momento si sentì assalita dal panico , come avrebbe potuto spiegare alla polizia la presenza di un uomo dal collo duro nella sua macchina? Soprattutto perché non sapeva nemmeno il suo nome.

David seguì Grégoire su per le scale che portavano alla cantina buia. Arrivato in fondo ai gradini, Grégoire avvertì che il suo cameriere stava rallentando, nel buio sentì salire in lui un’angoscia irrazionale. Il raggio della torcia illuminò gli armadietti sparsi, la terra era rossa… vino o sangue? Il raggio illuminò il viso di Patrick, Grégoire fece un passo indietro emettendo delle grida. Qualcosa di gelido gli aveva appena sfiorato il collo, agitò nervosamente la mano, come per allontanare una zanzara.

– Non hai sentito un odore glaciale? chiese David, allarmato.

– Sì… rispose quest’ultimo, entrambi guardarono i lineamenti di quello che era stato Patrick… occhio forato, naso rotto, ma soprattutto la pelle si appiccicava alle ossa, come se fosse stata svuotata di ogni umore e sostanze liquide, sangue e simili. Il morto sogghignò con spaventoso terrore. David iniziò ad annusare, Gregory non capì subito, poi si accorse del ritorno di questo disturbo… lo stesso che circondava lo straniero in punto di morte.

Lui si è trasferito! gridò David, facendo un passo indietro…

Che cosa? Disse Grégoire, pensò di aver visto un’ombra passare tra la trave e il morto, una forma scheletrica che si era insinuata nella bocca spalancata del fattorino morto… te lo dico… il braccio! Il cadavere! gridò David, facendo un passo indietro. Gregory lo prese per le spalle, la torcia illuminò dal basso il viso del cameriere, rendendolo spettrale.

Una persona morta non si muove… se si è mossa vuol dire che è ancora viva… calmati…

Prima di venire a prenderti ho notato l’assenza di polso, mormorò David. Gregory non si sentiva affatto bene, respirava profondamente nonostante l’atmosfera puzzolente e soffocante.

Guarda! Vedrai… non finì la sua frase che il terreno vuoto si illuminò…

Impossibile!! La voce di Gregory si fece isterica mentre spazzava il pavimento con la scopa, cercando Patrick. David si voltò e andò a sbattere contro qualcosa…

– Gregory si voltò quando sentì l’ululato soffocato di David, le mani di Gregory tremavano, era sull’orlo di un esaurimento nervoso. La sua luce illuminò due corpi, risalendo dalla testa ai piedi… Due mani strangolarono David che tirò fuori la lingua, dibattendosi inutilmente. Grégoire sentì lo schiocco del pomo d’Adamo del suo cameriere!! All’altro capo, si illuminava lo stesso viso deforme e inaridito… L’occhio sano era vitreo! Il corpo di David era crollato a terra come una massa morbida quando questa cosa si è lasciata andare!

No! gridò Grégoire vedendo questo mostro venirgli incontro lentamente, bloccandogli l’accesso alle scale… l’intensa paura provocò un attacco di cuore che travolse Grégoire… quest’ultimo non vide mai crollare il cadavere di Patrick, né l’ombra a forma di scheletro con due ali nella parte posteriore lasciare il fattorino …

Sabrina cercò di rianimare lo sconosciuto, senza successo. Il fatto di toccarlo, di accarezzarlo la eccitava con sua grande vergogna… doveva riportare il suo corpo a casa il più presto possibile, senza farsi notare dai vicini! Scese dalla macchina, nel garage un neon sfrigolava. Alzando lo sguardo, per un lasso di tempo fugace di un attimo, credette di vedere un’ombra o qualcosa nelle vicinanze… due ali nere, una forma fatta di ossa umane che si infilava in macchina!! Si stropicciò gli occhi mentre si rilassava, allucinata! Pensò… incolpando quest’ultima del suo desiderio perverso. Tornando in sé, si tirò giù la gonna e corse alla portiera del passeggero. Quando apri la portiera era congelata dallo stupore … lo sconosciuto la guardò e si commosse … Non sono ancora morto… delusa? borbottò con la bocca asciutta.

Perché dici così?! Sogghignando le sue guance arrossirono.

Perché, lo sto leggendo nella tua mente Sabrina… continuò, districandosi lentamente e faticosamente dalla sua sedia.

Chi sei? In quel momento si fece prendere dal panico. Appoggiato al bastone, riuscì ad alzarsi faticosamente in piedi, le membra tremanti. Gocce d’acqua scorrevano con angosciosa meticolosità da un tubo flessibile sul pavimento del garage.

Bella domanda… non vuoi scoparmi prima? Parleremo poi… articolò con voce rauca prima di tossire e sputare di nuovo… questa volta catarro sanguinante. Sabrina si chiese come facesse a sapere il suo nome, eppure non gli aveva detto niente… i suoi impulsi incontrollabili presero il sopravvento, lo prese per un braccio, sbatté la porta con la gamba lunga modellata nei suoi stivali neri che arrivano fino alla coscia. Nel salire nell’ascensore, si appoggiò allo specchio che le gelò la guancia… il suo basso ventre in fiamme la costrinse a carezze indecenti davanti all’uomo che la guardava con un sorriso che di fatto era crudele.

Entrando nel suo grande appartamento, un enorme soggiorno con ottomani che circondano un tavolo orientale. Un gigantesco televisore al plasma era appeso alla parete come un dipinto. Le finestre dal pavimento al soffitto si aprivano su una terrazza che offriva una magnifica vista sullo skyline della città. La camera da letto era spaziosa, il letto con lenzuola di raso rosso era sfatto, due cuscini erano intrecciati come un presagio .

Proprio dietro i cuscini c’era un’enorme vasca esagonale color salmone e tende dello stesso colore su un’enorme finestra che si affaccia su un parco. Un morbido tappeto circondava il letto, posato morbidamente su un pavimento di piastrelle rosa. Il comodino conteneva gioielli disposti liberamente, con un paio di forbici nel mezzo, davanti a una moderna e lunga lampada da comodino con un paralume ricoperto di rete. Sulla parete risaltava un dipinto di Clovis Trouille, il dipinto, tra l’ingenuo e il figurativo, mostrava una donna bionda, nuda in un cimitero le cui tombe rilasciavano il loro spaventoso contenuto.

Chiudi le persiane… accendi delle candele… dev’essere buio… sussurrò l’uomo sedendosi sul bordo del materasso. Sabrina lo fece in fretta. Le candele erano facili da trovare… rosse e nere. La camera da letto prima si sprofondò nell’oscurità, poi una debole luce incandescente circondò il letto come un pentagramma magi

Sabrina lo spogliò, assaporando l’odore di morte che emanava dai suoi vestiti, lasciandola fare il suo respiro divenne affannoso a testimoniare che era vivo. Scoprì la sua pelle bianca, così attaccata alle sue ossa da poter contare le costole… lo accarezzò, lo baciò. La sua carne sapeva di putrefazione che la sprofondava in uno stato di trance. Il suo pene flaccido e trasudante crebbe nella sua bocca avida… incapace di resistere, si mise a cavalcioni su di lui e si impalò sul suo membro rigido, poi iniziò una serie di frenetici avanti e indietro. Le sue dita ossute le arrivarono al petto, toccandola in modo indecente, vide le sue braccia scheletriche, le sue clavicole così visibili… gli accarezzò il viso, le sue dita sentirono la sua carne raggrinzita… chiuse gli occhi e visualizzò il suo cranio che afferrò. Tombe profanate e aperte, la morte violentata! Uno spasmo la scosse, si tuffò su di lui, i suoi seni accarezzarono la gabbia toracica … la testa del cadavere… si stava scopando un morto!

Dita ossute si avvicinarono al comodino… finalmente trovarono le forbici!

Sabrina stava strofinando il viso sulla sua testa mentre lui, senza che lei se ne rendesse conto le tagliava alcuni riccioli di capelli, tenendoli con cura nella sua mano. Ebbe un orgasmo pensando alla sua fantasia, godette in lei con un liquido ghiacciato …

La prostituta era nella sua cucina, intenta a servirsi un Bloody Mary ben stipato… cosa avrebbe fatto adesso? La vergogna si impadronì della sua anima, posò il bicchiere e indossò la giacca, quasi vestita, doveva solo aggiustarsi la minigonna. Come una tromba marina, uscì dall’appartamento, non osando nemmeno tornare a dare un’occhiata nella sua… camera mortuaria! Lo aveva lasciato disteso sul letto come la cosa morta che era nei suoi occhi.

Nell’ascensore, non poté fare a meno di vedere la sua espressione felice nello specchio che rifletteva il senso di colpa per aver messo in pratica il suo desiderio. Non poteva ignorare i ricordi della sua frenesia morbosa… era morto adesso? Questa domanda le bruciava le labbra… lo avrebbe rivisto la notte stessa…

L’auto di Sabrina scese nel centro storico, si fermò sul marciapiede. In fondo al vicolo, Josy era appoggiata al muro quasi nuda con tutta la sua opulenza, una sigaretta sulle labbra, in attesa del cliente. Sabrina scese dall’auto, i suoi tacchi alti echeggiavano sull’acciottolato, Josy si voltò e sorrise quando la vide.

Nella camera da letto, lo sconosciuto si mosse nelle coperte… il momento era arrivato… si arrampicò sulle coperte, afferrando le forbici, i suoi lineamenti si contorcevano. Scese dal letto e si inginocchiò sul bordo del tappeto, disponendo le ciocche di capelli sul marmo. Poi con un movimento lento, la vena del polso sinistro si aprì con la lama affilata dello scalpello. Il liquido rosso denso scorreva sui riccioli biondi, dalla ferita uscivano cose morbide, ondulate e bianche… vermi!!

Il peripatetico stava per salutare la sua ragazza, quando un dolore l’ha colpì al plesso solare, piegandola a metà.

Cosa hai? gridò Josy, venendo in suo aiuto. Sabrina fu assalita da una profonda nausea e vomitò l’ultimo pasto.

Lo sconosciuto dal corpo scarno aveva appena tracciato uno strano disegno, il pentagramma invertito attorno ai capelli con il suo stesso sangue… le sue due mani scheletriche si incontrarono nella parte inferiore della punta, spostandosi su entrambi i lati della Stella del Diavolo… due scheletriche braccia che lo circondano in cerchio. Sui due punti superiori si delineavano due teschi di morte, ciascuno circondato da un’immensa ala di pipistrelli, il sangue cominciava ad asciugarsi…

La sua ferita sanguinava copiosamente, quindi, mentre sogghignava, aveva eseguito il disegno malvagio con la mano destra. I suoi occhi si illuminarono quando vide il simbolo delle sfere vampiriche… “Yug!” N’gha k’yun bth’gth Sabrina Matlink gllur ph’nglui Varcolaci yzkaa! l’uomo cantava, sogghignando con sproporzionato orgoglio prima di tagliarsi la carotide con lo scalpello!

Sabrina era accovacciata sul pavimento, quando una pressione invisibile fu esercitata sulle sue vertebre cervicali… lanciando a Josy uno sguardo implorante prima di sprofondare nell’incoscienza più totale.

“Voci echeggiano intorno a me… apro le palpebre incollate al sonno… due donne in bianco… un uomo vestito uguale…”

Sabrina Matlink? Come ti senti ? Chiese l’uomo sulla quarantina, i tratti ansiosi… io sono il dottor Tibi… lei è in ospedale… la voce voleva essere rassicurante.

“Perché mi chiama Sabrina Matlink?”. Io sono Varcolaci! L’immortale vampiro psichico che sopravvive volando di corpo in corpo… “Mentre si muoveva, le sue mani toccavano la carne piena di un corpo vivo, i seni? Improvvisamente gli tornò in mente la memoria… ci voleva sempre qualche minuto per riadattarsi al cervello della vittima… Sabrina era stata quella donna sexy che era stata attratta da lui a causa della sua inclinazione necrofila. C’era da dire che l’involucro carnale della sua precedente vittima non era più realmente in buone condizioni. Aveva avuto poco tempo per trovare un altro corpo. Non aveva previsto che quest’uomo soffrisse di cancro al colon che si rivelò presto generalizzato. Poiché la sua ombra aveva abitato un uomo, aveva bisogno di una donna… questione di polarità magnetica… l’unico lato negativo dei Varcolaci…

Sì, dottore, ricordo benissimo… rispose il vampiro con uno sguardo civettuolo… stava per esplorare tutti i piaceri del corpo di una donna prima di passare a quello di un uomo… e viceversa, tutto questo andava avanti da mille anni ormai… perché mai fermarsi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...