Considerazioni sul Vampirismo…un’intervista a Andreas Axikerzus Sahjaza

a cura di Sara Ballini.

Puoi descrivere brevemente il tuo concetto di vampirismo?

Vivo il vampirismo della dinastia Sahjaza iniziato dalla nostra Dea Matriarca Rosemary Sahjaza a metà degli anni settanta negli Stati Uniti, nello Stato di Washington, Stati Uniti d’America. Un percorso che offre la spiritualità come processo e percorso tanto quanto una mistica per vivere il processo estatico e sorseggiare il “Sangue”. Potrebbe forse sembrare un po’ complicato, ma è naturale come un’antica foresta le cui cime degli alberi sono così alte e chiuse che dentro c’è solo un’infinita luce verdastra (come una pietra di smeraldo) che si scurisce e si incupisce man mano che si estende la nostra visione nelle sue profondità.

Per noi la mistica di Sahjaza e anche del Circolo Strigoi che è chiamato Vampyrism è qualcosa che nasce semplicemente con noi e magari con allegorie come “Graça” o “Good Fortune” spesso usata dall’italiano Nicolò Machiavelli che è molto appropriata. Non lo si impara, non lo si accetta lo si diventa solo se lo si migliora insieme agli affini e a quelli del “Sangue”. Nel miglior senso socratico, platonico o aristotelico posso paragonarlo a un’eredità demoniaca. Peter Lamborn Wilson (AKA: Hakim Bey) commenta in Shower of Stars: Dream and Book su come le origini sciamaniche nel sufismo mediorientale e nelle pianure asiatiche o anche nel tantrismo fossero qualcosa di frequente, molto prima che gli studiosi istituissero e deducessero le loro metriche al tema.

Il nostro focus attivo consiste principalmente nella Contemplazione (un modo secco ed esplosivo per alcuni alchimisti rispetto al meditativo) e nell’estetica (nel senso di stupore, come usato in filosofia) e il modo in cui si nutre della forza vitale di ciò che Mírcea Eliade chiamava di realtà non ordinaria. C’è un meandro (come quello descritto dal poeta portoghese Fernando Pessoa, nella misteriosa Via del Serpente) e qualcosa di artistico in esso, che rende lo sguardo fulgente, e lo avvicina alla verticalità e vertigine della cosiddetta chiara visione o sguardo adamantino come proposto nelle sue opere dal mio caro fratello Thomas Karlsson. Siamo nutriti dal “Sangue” ma nulla che sia stato concepito può offrirci tale nutrimento. È molto simile a quello che i norreni chiamano Oðrerir (Odhrerir) e alchimisti come Michael Scott o l’autore di Le Tombeau de la Pauvetré lo descriverebbero come un Elixir Rubeus. E se da un lato lo prendiamo dall’altro offriamo qualcosa che riempirà un tale vuoto che non è altro che insufficienza di fronte a qualcosa che vibra più intensamente e seccamente come un Vampyro o una Vampyra.

Il nostro “Sangue” proviene dall’atmosfera, dall’ambiente e da ciò che offre, consegna e riempie lo spazio vuoto di ciò che è stato preso e di ciò che verrà da lì. A differenza del tono della “notte oscura dell’anima” e di una certa raffinatezza gnostica spesso usata dagli occultisti quando si parla di vampirismo, abbiamo un’origine più radicata nel paganesimo e nella pluralità di uno sciamanesimo notturno e primordiale. Diamo uno sguardo a “Beleza”, ma nel senso più vicino al “Sublime” usato dal grande Umberto Eco nell’opera História da Beleza. Ciò che è raro, nutriente e buono per ciascuno di noi, ciò che luccica, riscalda, nutre e naturalmente è effimero perché si scontra con il tono scandaloso, crudo e squilibrato che è la vita in questi tempi postmoderni. Sì, lo so che scrivo molto e non so esprimere molto di ciò che vivo e di ciò che amo. Ma credo che niente di tutto questo sia strano o forse perverso per un DJ che sperimenta la trance durante il suo djing, un modello il cui sguardo si immerge in sé stessi mentre è fotografato, un chitarrista durante un assolo nel bel mezzo di un grande festival… più si svelano più si nascondono… più si definiscono o si palesano sempre più scappano in questo giardino selvaggio… forse come Lilith avvolta nelle ali di un gufo.

2 – Cos’è il Rede Vamp?

Rede Vamp è il soprannome di Vampyrica Network in inglese suona come Vamp o anche Vampyric Network è una piattaforma digitale nata 20 anni fa dal mio lavoro dedicata a riunire persone che vivono il lato fashionista della produzione culturale vamp così come coloro che vivono oppure bramano una visione del mondo, una mistica o una spiritualità vampirica. Attualmente offre ben oltre 900 articoli, alcune centinaia di podcast e video incentrati sui contenuti della Community Vamp, nata soprattutto in Brasile, si estese attraverso il Sudamerica e raggiunse anche il Portogallo. Naturalmente siamo uno dei tanti rami che compongono la comunità vamp internazionale e tutto il suo ethos e la sua prassi. Organizziamo eventi annuali come Carmilla Dark Gala Night nella bellissima Hasbaya Mansion, un luogo con oltre 150 anni di storia. Una grande cena e sala da ballo per immortali provenienti da tutto il mondo. Organizziamo Fangxtasy e Rede Vamp Nights, feste periodiche in locali notturni come il Madame Underground Club di San Paolo. E poi limousine nera attraversa luoghi infestati e palchi di soffocanti storie d’amore. Oltre alle serate, proponiamo presentazioni di libri e safari fotografici nel centro storico e nei luoghi proibiti della nostra città. Ma il Vamp Network è ancora di più, molto di più.

3 – Oltre ad essere un grande divulgatore nel campo esoterico di LHP, sei anche un artista, ti va di raccontarci la tua carriera?

Mi piace vedermi come un creatore di mondi e qualcuno che cammina in queste realtà. È sempre stato un principio nella mia vita e mi ha reso irrimediabilmente una persona ossessionata e perseguitata dall’“Arte”. E l’arte ha qualcosa di apotropaico e demoniaco, insegna il coraggio di vedere i paesaggi e capire cosa succede nei loro strati più intimi. Un po’ come i Goblin che ballano nel vuoto e celebrano il loro momento nell’universo. “L’arte” mi ha educato a pensare a ciò che facciamo che sarà sempre inferiore a ciò che idealizziamo ed è meglio attenersi a ciò che facciamo. Quando ero un adolescente, quando ho letto Lords of Left Hand Path del brillante dottor Stephen Flowers dove ha spiegato a LHP come il Nautilus del Capitano Nemo, ho sentito di essere sulla strada giusta. Inutile sottolineare che chi si presenta come un Vampyro e non lo nasconde al mondo da due decenni è qualcosa di antinomico e che esprime con una certa eleganza (e una certa stravaganza clandestinamente accettabile) forze, simboli e allegorie dell'”Altro Lato”, ” in questo Selvaggio Giardino Pagano che è il nostro mondo.

In parte, sono un DJ underground e alternativo che esegue eventi a tema con atmosfere e interazioni artistiche che in diversi strati e sfumature rimandano all’estetica Vamp. Per amare troppo tutto ciò che faccio sono certamente ben intenzionato ad avere un posto garantito all’inferno (ride). Sono anche un illustratore che dagli anni Novanta ha partecipato a fanzine e poi è diventato un professionista nel settore pubblicitario e ho vissuto bene con questo lavoro che mi permesso di pagare le bollette. Già nel 2007, un album di Therion chiamato Gothic Kabbalah mi ha introdotto al tema di Adulrunas di Johaness Bureus (Svezia, 17° secolo) e questo mi ha portato a incontrare le opere del suo paroliere, il buon dottore Thomas Karlsson. E per molti anni le Adulrunas sono diventate uno dei focus delle mie pratiche e dei miei diari onirici illustrati, che oggi fanno parte delle pagine della versione peruviana del libro Adulrunas e Uthark (Editoriale Manus Sinistra). E dal 2014 sono diventato uno scrittore molto attivo con 10 libri pubblicati in Brasile e alcuni di queste anche in versione inglese che hanno circolato molto in tutto il mondo. Con l’arrivo della pandemia nel marzo 2020 sono diventato VJ e scenografo per il mio DJing online e per tante feste a tema.

Un’altra cosa interessante da menzionare è che in una presentazione teatrale ho già condiviso il palco con il personaggio iconico Zé do Caixão e sua figlia Liz Vamp. E ho anche interpretato alcuni personaggi come Il Fantasma dell’Opera e il Vampiro Lestat insieme a mia moglie Xendra Sahjaza. Un’altra performance è sviluppata nel video Inês The Dead Queen della band Wolfheart and the Ravens. Di recente abbiamo partecipato al film horror “Almas que Dançam no Escuro” del regista Marcos de Brito che è un adattamento del suo libro “Palavras Interrompidas” e che sta partecipando ad alcuni festival in Italia e Spagna. Il 31 ottobre 2021 ho partecipato in Inghilterra come vocalist/voce recitante all’album Vampyric Ritual Chamber Music dei Columbarium Station. Un lavoro squisito del musicista polistrumentista Fabio Hattock, che è membro del Circolo Strigoi e insieme per 7 anni abbiamo ritualizzato e stabilito questa opera d’arte molto speciale dedicata alla Vampyrica Worldview. L’album sarà disponibile su Bandcamp. È molto eccitante per me sperimentare “l’altro lato” della creazione musicale dopo essere stato un giornalista musicale amatoriale per due decenni. In passato ho registrato i cori per la band brasiliana Tuatha de Danan e ho anche recitato per Post Human Tantra di Ciberpajé.

4 – Che cos’è “Vox Vampirica”?

Se il Rede Vamp si esprime, si cristallizza e si mostra come una visione che, proprio come una rete, coinvolge tutto ciò che riguarda il “Sangue” permettendogli di prosperare ed essere salvaguardato per rafforzarsi, Vox Vampyrica è la voce che esprime una vocazione, un ululato primordiale davanti a un mondo automa, medicalizzato ed eccessivamente germanico-protestante di rapporti gassosi e generalmente utilitaristici. Il Vox Vampyrica è come un ruggito che porta visioni, idee e parole di potere che procuro uno shock a persone che la pensano allo stesso modo, e al “Sangue” e mostrano loro che non sono soli nel modo in cui sentono e vedono il mondo. È un bel modo per parlare di questo podcast che ho creato nel 2006 nella mia stanza, quando i podcast erano ancora qualcosa di eccentrico in Brasile. Ha prosperato, è diventato un podcast registrato in studio, è diventato un programma webradio settimanale e ha anche avuto una lunga stagione come programma radiofonico FM in Portogallo ad Antena Minho, nell’SOS Heavy Metal Radio Show. E oggi è un podcast bisettimanale distribuito da Spotify ai nostri abbonati. Sono 16 gli anni della sua storia celebrati nel 2021 e più di 550 edizioni realizzate. Il suo obiettivo è l’universo vampirico, la filosofia, la cronaca, e offre un’ora di astrazione e buona conversazione per persone che la pensano allo stesso modo e al “Sangue”.

5 – Hai aderito alla piattaforma “Global United Nightside”, come concepisci questa “unione nella diversità” di individui che fanno parte delle varie correnti LHP?

Sono stato uno dei primi firmatari di Global United Nightside perché, prima di tutto, la diversità e la pluralità sono i nostri punti di forza se pensiamo bene e abbracciamo variabili e indicatori più ampi e globali. Allo stesso tempo quantitativamente siamo pochi rispetto, ad esempio, alle religioni abramitiche e siamo un potenziale bersaglio per le confessioni più fanatiche di queste religioni. Sappiamo che i gruppi più fanatici che invocano brutalità e terrorismo sono parti dissonanti delle stesse religioni abramitiche ma possono infliggere danni strutturali ai pagani, all’LHP e all’occulto nel suo insieme. Non solo questi, ma l’isteria dei media come il panico satanico serve anche istituzioni, marchi e governi per falò periodici di piccoli marchi, editori e imprenditori. Insomma, è ammirevole e necessario avere in mezzo a noi un movimento e una cultura che favorisca il dialogo, il sostegno e l’assistenza reciproca da parte di tutti noi per affrontare scenari che mettono a rischio la nostra libertà di pensiero, di espressione e la nostra stessa religiosità nella spiritualità e nel misticismo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...