The Grimoire of Belial (Il Grimorio di Belial) di E.A.Koetting. (ITA/ENG)

a cura di Isha Pairikà

The Grimoire of Belial è il primo della collezione di grimori dedicati ai Nove Guardiani. Belial, in questo libro rivela al Magus (E.A KOETTING) come aprire le porte dell’Inferno, attraverso i suoi rituali di evocazione: infatti Belial è uno dei nove Guardiani di quello che egli stesso definisce un “portale”.

Nonostante uno degli epiteti di Belial sia “Colui che è senza un maestro” insegnerà al Magus, attraverso sfide ed enigmi, come arrivare alla vera essenza della libertà, così da poter spezzare quelle catene di cui l’umanità è schiava: la schiavitù è infatti uno dei punti trattati in questo grimorio, ma è il punto focale poiché Belial è l’anarchico, il Signore di questa Terra. Belial insegna, in questo libro, come arrivare a far crollare quelle false verità celate in ognuno di noi, attraverso un vero e proprio Ragnaròk personale (e non solo).

Il lettore che saprà leggere in profondità questo libro, e capire le risposte che Belial ha dato all’autore, si renderà conto che la sua saggezza rivela eventi che stanno accadendo proprio in questo periodo. Inoltre, se vorrà eseguire i rituali di evocazione descritti dettagliatamente nel grimorio, dovrà ricordarsi che non avrà a che fare solo con Belial, ma anche con le sue Legioni.

Belial si mostrerà in varie forme; egli è uno degli insegnanti che apriranno la porta della conoscenza solo ed esclusivamente a chi sarà pronto ad affrontare le sue prove, ma soprattutto i suoi insegnamenti non saranno privi di frustrazione e sofferenza e solo attraverso la Pazienza, la Volontà e la costanza egli concederà al lettore le chiavi del portale … ma soprattutto della “conoscenza”.

The Grimoire of Belial is the first in the collection of grimoires dedicated to the Nine Guardians. Belial, in this book, reveals to the Magus (E.A KOETTING) how to open the gates of Hell through his evocation rituals: infact, Belial is one of the nine Guardians of what he himself calls a “portal”.

Although one of Belial’s epithets is “He who is without a master”, he will teach the Magus, through trials and puzzles, how to get to the true essence of freedom so being able to break those chains of which humanity is a slave: slavery is one of the points covered in this grimoire, but it is the focal point since Belial is the anarchist, the Lord of this Earth. Belial teaches, in this book, how to bring down those false truths hidden in each of us through a real personal Ragnaròk (and not only).

The reader who will be able to read this book in depth and understand the answers that Belial has given to the author, will realize that his wisdom reveals events that are happening precisely in this period.
Moreover, anyone who wants to perform the summoning rituals described in the grimoire will have to take into account that he will not only have to do with Belial, but also with his Legions of him.

Belial will show himself in various forms, since he is one of the teachers who will open the portal of knowledge exclusively to the ones ready to face his trials, but above all his teachings will not be without frustration and suffering and only through Patience, Will and constancy he will grant the reader the keys to the portal … but above all to “knowledge”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...