“L’Universo possiede una doppia polarità…” – riflessioni dal blog di Daemon Barzai

“Sono un mago draconiano e Settario dei Grandi Antichi. Traduttore letterario specializzato in argomenti esoterici e nascosti. Fondatore di Black Tower Publishing, Temple of Layil, e artista grafico. Ho contribuito a diversi libri come: Qlipoth Journal, The Way of the Serpent, The Rites of Lucifer, Sabbatica, tra gli altri. Autore di The Nyarlathotep Book, El Árbol de las Sombras, El Legado de San Diablo, Las Diosas Impías del Lado Oscuro, Lilith: sus máscaras, ritos y manifestaciones, y Coautore di Lilith: Goddess of Sitra Ahra y Tricksters & Adversaries of the Left Hand Path.
Contatto: fasenigredo@gmail.com
Cerchio Rituale: www.templeoflayil.com
Editoriale: www.blacktowerpublishing.com
Blog personale su Magia draconiana: www.diariodeunbrujo.com.ar
Portfolio: http://daemon-barzai.artworkfolio.com/

Da “Diario de un brujo” (diario di uno stregone) – traduzione di Sara Ballini
Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem
blog completo originale in spagnolo:
http://www.diariodeunbrujo.com.ar

Tenebre e Luce sul Sentiero Draconiano

Luce e Tenebre, Tenebre e luce: concetti, idee, riflessioni su due elementi che sono facili e complessi da comprendere ed interiorizzare allo stesso temo. E’ inutile dire che in quest’articolo non sarà possibile risolvere il conflitto eterno riguardo all’argomento in cui discutiamo. La mia pretesa è soltanto quella di parlarne un po’, riferendomi alla mia esperienza personale.

In primo luogo è necessario capire che l’universo che conosciamo possiede una doppia polarità, ovvero che la dualità è presente in ogni cose, e che in questo contesto troviamo Luce e Tenebre. Un elemento non può coesistere senza l’altro, ovvero non può esistere la Luce completa senza la presenza delle Tenebre. Negare qualsiasi dei due aspetti equivale a negare una parte essenziale della realtà e dell’universo nel quale viviamo.
Eppure, uno dei principali conflitti che esistono costituito dall’attribuzione morale che viene data sia alla Luce che alle Tenebre; costituita da un semplice errore che è stato imposto dalle religioni monoteiste dominanti dove la Luce corrisponde al “Bene” e le Tenebre corrispondono al “Male.
Come avrete già intuito, non è così e la morale è un elemento indipendente dall’Universo, essendo nettamente umana e costituita da attribuzioni e condizionamenti sociali.
Cosa voglio dire con questo? Che per me, le Tenebre possono essere buone e per un altro cattive quindi tali attribuzioni sono completamente relative e non dovrebbero essere prese in considerazione quando si parla di Luce e Tenebre.
Dato che non mi piace trattare argomenti relativi alla Psicologia, non parlerò dell’Ego, perché non sono psicologo e penso che la Magia vada oltre questo anche se il fattore mentale è importantissimo non credo che sia possibile mescolare tutto e sviluppare allo stesso tempo un concetto solido, ma piuttosto un’insieme di concetti senza senso.
Quindi, la prima cosa che possiamo affermare con certezza è che l’universo possiede una doppia polarità, e questa bi-polarità si rifletta sia nel Macrocosmo che nel Microcosmo e, per questa ragione, percepiamo e decodifichiamo le divinità, gli dei e i demoni come maschili e femminili. E’ a causa di questa bi-polarità,che diamo loro qualità umane e le identifichiamo con un genere. Allo stesso tempo, diamo delle qualità a queste divinità: alcune appartengono alla Luce ed altre alle Tenebre. Ma andiamo al sodo…
A cosa ci si riferisce quando parliamo di “Tenebre”? Come dissi, ci sono molti modi di rispondere, però se l’oscurità risiede in quello che è occulto, tra gli elementi delle Tenebre troviamo la notte, il proibito, la paura, quello che non comprendiamo e non conosciamo e gli aspetti dell’essere umano che non sapevamo che fossero lì, il nostro potenziale divino e potremmo continuare all’infinito….
La Luce, invece, può essere uno stato di conoscenza, di sapere concreto, di chiarezza. Un elemento è soggetto all’altro, potremmo dire inseparabile l’uno dall’altro.
In un momento determinato del processo iniziatico, l’Adepto scopre come unire entrambi i concetti, e impara a lavorare con entrambi in uno stato di completa armonia ed equilibrio.
Nella Tradizione Draconiana, un elemento non può esistere senza l’altro, e se stiamo lavorando nella struttura dell’Universo conosciuto, dobbiamo imparare a lavorare con entrambe le polarità, solamente in questo modo è possibile ottenere un avanzamento reale e senza limitazioni. Il primo passo per fare questo è togliere le attribuzioni morali, proprie o imposte dagli altri, aprendo la nostra mente e abbracciando le polarità come un elemento essenziale per il nostro progresso personale sul cammino dell’auto-salvezza e dell’auto-divinizzazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...