Intervista a Michael Kelly

a cura di Carmine Mino.
trad. Sara Ballini

Buongiorno, Mr. Kelly. Prima di tutto, vorrei ringraziarla per averci dato la possibilità di sapere qualcosa di più su di lei, sui suoi libri e sul Sentiero della Mano Sinistra.


Grazie per il vostro interesse, spero di poter essere d’ispirazione perché le persone possano trasformare la propria vita in una fonte di gioia e soddisfazione.
Penso che questo sia l’obiettivo di ogni vero Iniziato.
Impariamo le chiavi che portano potere e gioia nelle nostre vite e quindi proviamo a condividere quelle chiavi con gli altri e osserviamo come trasformano le loro vite. Il loro esempio, poi, ci da nuove idee ed ispirazione a sua volta.
Tutti impariamo gli uni dagli altri, ciclicamente in ogni momento.

Penso che dovremmo iniziare da dove sono effettivamente sono cominciate le cose. L’Inghilterra è una terra piena di magia, storie e misteri. Dove sei nato e cresciuto?

Sono nato sull’isola di Man, che è una piccola isola nel mezzo del Mare d’Irlanda.
Se osservi una mappa delle isole britanniche, è proprio al centro, a metà strada tra Inghilterra, Scozia e Irlanda. In realtà è un piccolo Paese indipendente e non fa parte del Regno Unito. In effetti, vantiamo il più antico parlamento ininterrotto del mondo, Tynwald, fondato mille anni fa dai vichinghi.

 

L’isola ha un’eredità celtica molto forte, strettamente imparentata con gli irlandesi, ma questa è mescolata con i miti e le leggende norreni che sono stati portati dai norreni. Per questo motivo, c’è un ricco folklore e uno stile di vita tradizionale. Quando ero un bambino, mia nonna e mia madre mi narravano ancora i tradizionali racconti popolari di Manx e le leggende sulle fate. Ora vivo in una casetta isolata, vecchia di secoli, con tumuli in pietra neolitica, monumenti celtici e pietre runiche tutti facilmente raggiungibili a piedi. La Magia è nel mio sangue e mi circonda in ogni luogo.
L’Inghilterra può vantare molti personaggi famosi legati all’occultismo. John Dee, Austin Spare, Aleister Crowley, tra gli altri. Cosa puoi dirci della tua eredità?

Naturalmente, quando ho iniziato a studiare seriamente l’occulto, tutte e tre queste persone nominate – Dee, Crowley e Spare – sono state quelle su cui mi sono più profondamente soffermato.
Ammiro i metodi e l’immediatezza di Spare.
Ammiro il modo in cui Crowley ha prodotto un sistema integrato dal caos di informazioni e fonti contrastanti che erano disponibili ai suoi tempi, sebbene alcune persone oggi lo considerino complicato e contraddittorio, è riuscito a semplificare e snellire i principali processi e la comprensione della magia pratica.
Ho sempre sentito una forte affinità con John Dee e Edward Kelly, motivo per cui ho scritto il mio libro The Sevenfold Mystery.

Ma un personaggio che era molto più conosciuto sull’isola di Man era Gerald Gardner, il fondatore della moderna Wicca. Era un vecchietto che visse per un po’sull’isola, un eccentrico famoso e benvoluto.
Ha fondato il suo Museo della Stregoneria e della Magia in una vecchia casa-mulino, ancora conosciuta come ‘the Witch’s Mill’ed era un uomo molto più divertente e carismatico con aspetti nascosti più oscuri della maggior parte di coloro che seguono il suo sistema oggi.

Nel mio personale caso devi aggiungere a tutti questi racconti popolari sulla Magia, sia Celtica che Nordica, che mi sono stati tramandati, anche storie di strani vecchi uomini e donne che vivevano sull’Isola e che potevano sia maledire che guarire o predire il futuro. Ho attinto dagli antichi miti figure come Merlino e i druidi.
Quando si parla di druidi, oggi si tende a pensare ad una sorta di casta sacerdotale/politica, ma questa è soltanto una storia a metà. C’erano anche druidi che erano veri e propri stregoni e sono state le storie su questo genere di persone quelle che ho amato di più.Dopo essermi unito al Temple of Set nei primi anni ’90, mi sono trovato in contatto con il dott. Stephen Flowers, il maggiore esperto di storia runica e nella Magia della nostra epoca, quindi ho fatto un uso abbondante del suo lavoro per arricchire il mio.
Lavorare come scrittore richiede una certa dose di pazienza e immaginazione. Come sappiamo, non si tratta solo di esoterismo, puoi dirci di cosa parlano gli altri libri che hai scritto? Alcune delle mie fiction riflettono il tipo di temi che potresti esperire da un mago. Ho scritto tre raccolte di racconti (“For Fear of Little Men”, “Dread Souls” e “The Eldritch Isle”) che trattano rispettivamente miti celtici e leggende delle fate, vampiri e lupi mannari e orrore lovecraftiano. Ho anche scritto un paio di romanzi horror completi, uno dei quali, “Madre Terra”, ha un tema occulto. C’è anche un romanzo epico celtico ambientato nei tempi moderni, “The Wave Sweeper”.
Oltre che ai racconti mitici e horror, sono appassionato di commedia e (buona)arte e letteratura erotica. Credo sinceramente che la principale differenza tra il Sentiero della Mano Sinistra e il Sentiero della Mano Destra sia che a Sinistra accogliamo e amiamo la vita con una gioia feroce. Dovrebbe essere un percorso di passione e di risate.Ho scritto finora cinque romanzi della serie ‘Damsels’, a partire da ‘Rampant Damsels’, che sono romanzi ambientati in un mondo fantasy di pornografia, depravazione e risate. Potrebbero non essere per il gusto di tutti, ma esprimono perfettamente il mio senso dell’umorismo e il divertimento.Ho anche scritto due romanzi erotici, “Water Into Whine” e “Vicars and Tarts”, su un prete arrapato e sui suoi amici. Questi hanno un elemento comico, anche se l’accento è sull’erotico.
Volevo che fossero divertenti da leggere.
Superano tutti i miei altri romanzi, quindi devo avere il giusto equilibrio!Quindi immagino che potresti riassumere la mia narrativa con tre s: Leggende, Risate (ndt, Laughters) e Lussuria!
Certo, la vita non riguarda solo i libri e la spiritualità. Cos’altro riempie la tua vita quotidiana? Quali sono i tuoi interessi e hobby?

Vivo in una casetta isolata in un luogo di straordinaria bellezza a picco sul mare e adoro fare passeggiate nei luoghi selvaggi. Viaggio più che posso. Lavoro ancora a tempo pieno in un negozio di alimentari locale. Ho letto molto, ovviamente. Ma il mio miglior hobby e passione al di fuori della scrittura è magia da palcoscenico.Mi esibisco come mago in spettrali e bizzarri spettacoli a tema, inscenando sedute spiritiche e così via. Non solo è un grande divertimento, ma i miei apparenti “miracoli” psichici sul palco, insieme alle storie che ti dico di accompagnarli, hanno lo scopo di stimolare le menti e l’immaginazione del mio pubblico, magari portando una VERA Magia nelle loro vite nel processo.

Quando hai capito che quello che avresti fatto nella vita era scrivere?

Ho sempre scritto. Ho scritto racconti quando ero a scuola e non ho mai smesso di farlo. Quando mi sono unito al Tempio di Set, ho scritto un gran numero di articoli, una selezione dei quali appaiono come appendici del mio libro The Children of Set.Mi sono reso conto per la prima volta di poter scrivere un libro di romanzo nel 2004, quando sono stato gravemente malato per alcuni mesi. Mentre ero in convalescenza, scrissi due interi lunghi libri nello spazio di tre mesi, ed imparai che, se volevo, avrei potuto farlo facilmente.Dopo, è stata una decisione facile iniziare a scrivere i libri iniziatici, a cominciare da Apophis. Questo è stato pubblicato nel 2009, quando l’auto-editoria è diventata una scelta praticabile, ed è stata seguita da molti altri titoli a partire da allora.

 

Cominciamo a parlare dei tuoi libri. Qual’ è il tuo favorito, quel libro “speciale” di cui sei particolarmente orgoglioso?

Il mio favorito tra i libri di Magia è Draconian Consciousness, perché ha una profonda implicazione nel processo di cambiamento di vita. E’ anche il mio libro più “difficile”.
Ho provato ad esprimere idee attraverso il linguaggio, ma alcune idee sono concettualmente complicate che è molto facile per la gente che mi scrive riguardo a questo libro credere d’averlo compreso anche se poi è ovvio che non è così. Credo che sia un tipico caso che si definisce con il detto “I veri segreti dell’occulto si conservano tali per loro natura”: puoi dire qualcosa nel modo più semplice, ma attraverserà la testa di molte persone senza essere registrato, solo un Iniziato comprenderà veramente le implicazioni.
C’è una grossa differenza tra il comprendere le parole di una pagina superficialmente e assorbire veramente un concetto.

Il mio libro preferito di fiction è Damsels in Arms, il seconda della serie Damsels. Per me è la perfetta mistura di azione, personaggi oltraggiosi e commedia oscena, cosa che esprime perfettamente la mia personalità su carta stampata.

 

Gli esseri umani si sono evoluti grazie alla comunicazione e il tuo lavoro intitolato “World of Power” parla proprio dell’importanza delle parole nell’esoterismo. Sicuramente, questo libro ha richiesto studi accurati. Puoi dirci qualcosa di più a riguardo?

Penso che molte persone comprano il libro per la prima delle sue tre sezioni, che parla dell’uso di alfabeti magici, parole e nomi di potere in varie tradizioni magiche riconosciute: ebraico, rune, ogham, enochian, ecc. Questo materiale è stato raccolto da tre decenni di ricerca occulta, e può essere facilmente esplorato più in profondità nei libri raccomandati alla fine di ogni capitolo.

Secondo me, a seconda sezione del libro è più pratica e affascinante, perché discute il modo con cui usiamo le nostre lingue materne per influenzare e persuadere gli altri. Questa sezione si è plasmata tramite la poesia, la grammatica, il PNL, la suggestione ipnotica del linguaggio.
Non c’è un linguaggio più potente di quello che utilizziamo ogni giorno, della lingua con la quale PENSIAMO, perché questa è la lingua che dà forma ai nostri pensieri, che poi si trasformano nelle nostre azioni.
La maggior parte delle persone impara a parlare e lo fa automaticamente, senza pensare che sta dando forma alle proprie azioni. Chi sa usare il discorso deliberatamente e con piena conoscenza e precisione ha lo strumento più potente che esista a disposizione sulla punta della lingua.

In un senso iniziatico, la terza e ultima sezione del libro è forse la più suggestiva, anche se sospetto che è quello che molti lettori sfoglieranno senza realmente comprenderla, dato che per la maggior parte si tratta di liste di parole. E’ un modo di suggerire il potere di analizzare le parole attraverso il loro significato ed il modo in cui noi – come individui – le associamo a determinati suoni o gruppi di suoni nella nostra mente, dato che questo permette di accedere ad una chiave capace di aprire la nostra propria psiche e raggiungere le parti più profonde di noi stessi.

Questo libro tratta anche di antichi alfabeti, dove ogni segno o simbolo ha un potere magico. Quale è più vicino alla tua tradizione magica?

Ho usato tutti gli alfabeti presenti nel libro negli anni ed ho una buona conoscenza pratica di tutti. Comunque, nella mia personale pratica, sono le rune ed i caratteri ogham a predominare, insieme alla mitologia che li accompagna.

Leggere grimori medievali, alfabeti e incisioni è stata un’esperienza fondamentale. Queste antiche tradizioni sono ancora seguite e rispettate da altri maghi?

C’è un gran numero di maghi moderni che rispetta e usa il materiale dei grimori tradizionali.
Molti dei miei colleghi di “Rune-Gild” utilizzano i vecchi “libri neri” dell’Islanda come base per la loro magia.
Christopher Smith presenta un’eccellente panoramica di questi grimori nel suo libro Iceland Magic, e gran parte del materiale è anche raccolto in The Galdrabok dal Dr. Stephen E. Flowers.Il Tempio di Set ha fatto molto lavoro con i papiri magici egizi, come pubblicato su Seven Faces of Darkness di Don Webb e Hermetic Magic di Stephen E. Flowers.Osservando il campo dei tradizionali grimori europei e riportandoli alle loro radici, gli scritti di Jake Stratton-Kent sono esemplari, come la sua edizione accuratamente corretta di The True Grimoire, i due volumi di GeoSophia e il suo Pandemonium.
 ‘Draconian Consciousness’ sembra un cammino iniziatico, qual è il target di questo libro?

La maggior parte di Aphopis, che è il volume centrale di tutta la mia opera e del mio curriculum magico, è stato scritto nel 2005 o leggermente prima, per poi essere pubblicato nel 2009.
Comunque, in questi anni, e nel paio d’anni che seguirono, le mie idee e le mie pratiche non si fermarono.
Continuai a lavorare raffinando I concetti senza fermarmi. Lo faccio anche adesso.
I dettagli che riguardano le ultime fasi del mio curriculum sono abbastanza brevi in Apophis, riflettendo allo stesso tempo quello che avevo compreso in quel momento. Scrissi Draconian Consciousness per aggiungere molti più dettagli a questi concetti e pratiche più avanzate.

Quindi Draconian Consciousness è pensato per quelle persone che sono passate attraverso Apophis e scandaglia in profondità ed in modo più avanzato gli aspetti iniziatici. E’ un libro più avanzato che contiene materiale che avrebbe dovuto essere parte di Aphopis, se in quel momento l’avessi saputo.
Credo che sia una prova della mia veridicità il fatto che il mio lavoro continui a crescere ed espandersi, anche scoprendo nuove angolazioni e prospettive e visioni, e pur sempre rimanendo fedele al fulcro del curriculum e della filosofia. Così è come dovrebbe essere. Perché mai un lettore dovrebbe credere uno scrittore di occultismo che non usa il suo proprio lavoro per avanzare nel tempo?

Io penso che ognuno dei principali titoli Draconiani che ho scritto è stato un passo avanti, contendendo informazioni ed idee nuove che non c’erano nei precedenti volumi, ma rimanendo fedele ai principi dei primi scritti. Sperando che I lettori saranno capaci di percepirne la progressione, perché questo potrebbe aiutarli a vedere e comprendere il modo in cui funziona il sistema, seguendo il mio esempio.

Allo stesso modo, se hai letto l’opera di Aleister Crowley, questi cambiano nel tempo, dipendendo dal periodo della sua vita e da quando sono stati scritti. I suoi ultimo scritti, Magick Without Tears e il The Book of Thoth, sono dal punto di vista filosofico, molto più profondi dei primi lavori.

Non credere mai ad un mago che non fa magie, e non cresce visibilmente!

Va bene così. Grazie infinite per il tuo tempo. Hai qualche consiglio per chi è interessato a questi argomenti?

Leggete il più possibile, non soltanto libri relazionati con l’occultismo. Leggete libri di storia e di scienza, per avere una visione di come il mondo e la gente funziona veramente. Leggete fiction, perché questo stimola la vostra immaginazione, che è il più importante strumento dell’occultista.
Praticate regolarmente, ma seguendo il vostro ritmo.
Troppi neofiti corrono e si bruciano.
Questo è un lavoro che durerà una vita (od oltre). Prendetevi tutto il tempo che necessitate per assorbire ogni cosa nel modo conveniente.
La cosa più importante, ricordate di ridere e divertirvi.
Divertitevi in ogni momento, anche nei peggiori.
“L’esistenza è gioia pura” – Aleister Crowley

 

(c) Hekate Edizioni

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...